Via Appia 12 - 30173 Mestre (VE)
041 5316278
041 5316341

Prevenzione

Alcuni consigli per preservare la vista e la salute dei tuoi occhi nella vita quotidiana.

Il sistema visivo umano si è evoluto per osservare oggetti tridimensionali in spazi aperti, ma negli ultimi decenni abbiamo riadattato in modo drastico il suo utilizzo per osservare oggetti bidimensionali a distanze medio prossime.

Tutto questo impegno visivo da vicino potrebbe essere fonte di stress per i nostri occhi ecco alcuni consigli per poterlo ridurre:

  • Il piano osservato per la lettura dovrebbe stare alla distanza del vostro avambraccio (distanza di Harmon). Appoggiate il pugno chiuso sotto il mento, quello che state osservando dovrebbe trovarsi all’altezza del gomito. Se il compito si svolge per tempi lunghi ricontrollate periodicamente la distanza.
  • All’inizio della vostra attività prossimale, guardando il piano osservato, fate attenzione a cosa appare in periferia del vostro campo visivo. Durante lo svolgimento del lavoro periodicamente provate a verificare, senza distogliere lo sguardo dal piano principale, se il vostro campo periferico si è ridotto. Quando succede cercate, senza distogliere lo sguardo, di riportare la visione periferica all’ampiezza iniziale.
  • Durante la lettura, soprattutto se prolungata, il piano facciale dovrebbe essere il più possibile parallelo al piano di osservazione a tal proposito si consiglia l’utilizzo di un leggi-comodo durante lo studio.
  • Il videoterminale se fisso dovrebbe essere posto a non meno di 60 cm, dovrebbe essere frontale al piano di seduta così come la tastiera e la parte superiore del monitor non dovrebbe ostruire la visione da lontano. Per di più alzando gli occhi dal monitor la linea di sguardo dovrebbe essere libera per almeno 5 metri.
  • Durante lo svolgimento di un compito da vicino o di lavori al computer se protratto per lungo tempo si consiglia di fare una pausa di qualche minuto almeno una volta all’ora. Durante questa breve interruzione sarebbe meglio osservare e mettere a fuoco uno stimolo visivo (ad esempio una foto, un quadro o una pubblicità) che sia posizionato ad almeno 5 metri.

Vi ricordiamo che gli occhi dei bambini sono più delicati e vulnerabili ai raggi solari ed è importante proteggerli prima possibile con occhiali da sole ed eventuale cappello con tesa ampia: il cristallino dei bambini è trasparente ai raggi UV alla nascita, non offrirà dunque nessun tipo di protezione contro di essi.

Di conseguenza la retina dei bambini è raggiunta da una quantità maggiore di raggi UV che in qualsiasi altra età. I raggi UV danneggiano irrimediabilmente la retina quando la colpiscono, maggiore è la quantità di raggi UV assorbiti dalla retina, maggiore è la probabilità di patologie della stessa in età adulta. Nei primi 12 mesi di vita, il 90% dei raggi UVA e più del 50% dei raggi UVB raggiungono la retina.

Tra i 10 ed i 13 anni, il 60% d’irraggiamento UVA ed il 25% di UVB raggiunge la retina.Mentre attorno ai 18-20 anni, l’irraggiamento UV viene quasi totalmente bloccato dal cristallino.

Negozio di Mestre
Via Appia 12
041 5316278
Negozio di Padova
Via Croce Rossa 118
049 8074475
Negozio di Trieste
Via Flavia 21
040 383811